Meeting nazionale di Poma, il Telimar domina con 40 medaglie. Tra le rappresentative, la Sicilia si arrende al Lazio

Il doppio Ragazzi del Telimar con Spektor e Sergi.

Pioggia di medaglie sul lago Poma, a Partinico (Palermo). Al Meeting nazionale giovanile e Master per il Sud Italia – disputato in contemporanea a quello per il Nord, a Genova – oltre 200 atleti, 8 società siciliane e 3 laziali (Aniene, Fiamme gialle e Cc Lazio) si sono dati battaglia di fronte al caloroso pubblico siciliano. Nel medagliere del Meeting giovanile, che ha visto in campo le categorie Allievi, Cadetti, Ragazzi e Junior, la Canottieri Palermo domina con 9 ori, davanti a Peloro (7), Telimar e Cus Catania (6).

 

Corrado Luna (Cus Palermo) durante la gara del singolo Master A.

Supremazia del Telimar, invece, tra i Master dove il club dell’Addaura s’impone con 6 ori, staccando Cus Catania (2), Cus Palermo e Sc Palermo (1). Tra gli Esordienti, invece, è il Cus Palermo ha farla da padrona: la società universitaria allenata si aggiudica entrambe le gare del singolo. 

Nel computo complessivo delle medaglie, il Telimar torna al vertice della classifica con 40 podi totali, di cui 12 ori, 16 argenti e 12 bronzi. Seguono la Canottieri Palermo (10, 9, 6) e il Cus Catania (8, 4, 4). Quarto è il Peloro (7, 8, 3), che si conferma prima forza messinese (sebbene oggi mancasse la Thalatta), quinto il Cus Palermo (7, 5, 7). Conferme anche da Siracusa e dintorni: l’Ortigia porta a casa 4 ori, 8 argenti e 2 bronzi, mentre l’Augusta 1 oro, 3 argenti, 3 bronzi.

Il podio della gara tra le Rappresentative regionali nel quattro di coppia Cadetti.

Nella due giorni di gare, spazio anche per le rappresentative regionali Cadetti impegnate nel quattro di coppia. Sia tra i maschi sia tra le femmine, vittoria per il Comitato del Lazio sugli equipaggi siciliani: un risultato molto utile per il coordinatore tecnico regionale, Dario Cerasola, in funzione degli eventuali accorgimenti da prendere in vista del Festival dei giovani, dal 5 al 7 luglio, a Milano. Gli ospiti confermano il loro ottimo livello anche a livello societario, nonostante siano arrivati in Sicilia con pochi atleti: l’Aniene porta a casa 3 ori e 1 argento, le Fiamme gialle 3 ori, 1 argento e 1 bronzo, mentre la Canottieri Lazio un solo oro.

 

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*